Info

enzocampi61

Biografia: Nato a Caserta nel 1961. Vive e lavora a Reggio Emilia dal 1990. Autore e regista teatrale con le compagnie Myosotis e Metateatro dal 1982 al 1990, con le quali ha realizzato svariati spettacoli e performance. Videomaker indipendente, ha realizzato, dal 1990 al 2002, numerosi cortometraggi che hanno partecipato a rassegne e festival di settore e un lungometraggio: "Un Amleto in più". Suoi scritti letterari e critici sono reperibili in rete su svariati siti e blog di scrittura e sono stati pubblicati, in forma cartacea, su riviste, antologie, cataloghi di mostre e volumi monografici. Tra i più recenti: "Deglouglougrammé", in "Totilogia" (Diaforia, Viareggio, 2014), "Chaos: Pesare-Pensare" in "Emilio Villa. La scrittura della sibilla" (Diaforia,Viareggio, 2017), "Di rimesse e altri avventi" in "Blanchot" (I quaderni di Riga, Marcos y Marcos, Milano, 2017). Ha curato numerose prefazioni, postfazioni e note critiche in volumi di poesia e ha diretto la Collana di Letteratura Contemporanea "Ulteriora Mirari". Ha pubblicato "Donne - (don)o e (ne)mesi" (Liberodiscrivere, Genova, 2007), "Gesti d’aria e incombenze di luce" (Liberodiscrivere, Genova, 2008), "L’inestinguibile lucore dell’ombra" (Samiszdat, Parma, 2009), "Ipotesi Corpo" (Smasher, Messina, 2010), "Dei malnati fiori" (Smasher, Messina, 2011), "Ligature" (CFR, Sondrio, 2013), "Il Verbaio" (Dot.com Press – Le Voci della luna, Milano – Sasso Marconi, 2014), "Phénoménologie" (BIL produzioni cartacee, Bologna, 2015), "ex tra sistole" (Marco Saya Edizioni, Milano, 2017), "L'inarrivabile mosaico" (Anterem, Verona, 2017, vincitore della XXXI edizione del Premio Lorenzo Montano). Principali curatele: "Poetarum Silva" (Samiszdat, Parma, 2010), "Parabol(ich)e dell’ultimo giorno – Per Emilio Villa" (Dot.com Press – Le Voci della luna, Milano – Sasso Marconi, 2013), "Pasolini la diversità consapevole" (Marco Saya Edizioni, Milano, 2015), "Il colpo di coda. Amelia Rosselli e la poetica del lutto" (Marco Saya Edizioni, Milano, 2016). Di prossima pubblicazione "Artaud. Il supplizio della lingua" (Marco Saya Edizioni, aprile 2018). Ha realizzato installazioni multimediali e produzioni visive come complemento alle azioni sceniche e alle performance realizzate nel corso degli anni. Ha firmato drammaturgia e regia dei recital: "La macchina miracolante" (su musiche originali di Mario Sboarina, ispirato alla corrispondenza tra Leonetti e Pasolini dalla quale nacque la rivista "Officina"), "Le mura di Tebe" (ispirato all'omonimo testo di Emilio Villa) e "Lament Upon Mine Not Receiving What was Due'd to me" (azione tri-lingue ispirata all'omonimo testo di Amelia Rosselli, su partitura musicale di Gian Paolo Guerini). È stato ideatore e curatore del progetto di aggregazione letteraria “Letteratura Necessaria” con il quale ha realizzato, in due anni di attività, più di 70 eventi lungo tutto l'arco del territorio nazionale. È direttore artistico del Festival “Bologna in Lettere”.

Visualizza profilo completo

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...