Poesia concreta

Il crowdfunding ufficiale di Bologna in Lettere

Logo BIL nuovo

Il festival Bologna In Lettere è un luogo di incontro tra autori, performer, critici ed editori nel quale stimolare e generare un dibattito sulla letteratura, in particolare la poesia, che vada oltre la promozione del singolo testo, e che sviluppi ricerca, condivisione e scambio attraverso la multidisciplinarità. Naturale in questa ottica mantenere la completa gratuità degli eventi e il profilo internazionale delle proposte. Lateralmente, il festival promuove concorsi per adulti e ragazzi, redazione e pubblicazione di libri, antologie e cataloghi, organizzazione di convegni, workshop ed eventi letterari, al fine di promuovere la realtà bolognese quale punto focale della diffusione della letteratura contemporanea. La IV edizione si svolgerà nel mese di maggio 2016 (12-13-14, 20-21 e 27-28).
Siamo alla ricerca degli spazi che accoglieranno gli eventi, la proiezione di cortometraggi, le esposizioni di fotografia e poesia visiva, le performance, i workshop e i momenti conviviali.

SARÀ PIÙ FACILE CON IL VOSTRO AIUTO!
A PARTIRE DA LUNEDÌ 15 FEBBRAIO 2016 E PER 40 GIORNI PUOI SOSTENERE IL NOSTRO
CROWDFUNDING!
COME?

È semplice!
Collegati al sito eppela.com seguendo il link

https://www.eppela.com/it/projects/6541-bologna-inlettere-2016

e fai una donazione scegliendo la ricompensa che preferisci! Oppure puoi aiutarci anche con un click, semplicemente condividendo la nostra campagna con i tuoi contatti mail o quelli dei tuoi profili facebook, twitter o instagram. O puoi solo parlare di noi ai tuoi amici, ai tuoi parenti, ai tuoi colleghi. L’importante è che tu non ti dimentichi di noi e lo faccia il più spesso possibile! Abbiamo solo 40 giorni di tempo per raggiungere l’obiettivo prefissato.

Con il tuo sostegno potremo pagare tutti i professionisti che collaboreranno con noi, la locazione degli spazi e dei service audio-video, i materiali promozionali: insomma tutto quello che serve per l’organizzazione e per la gestione.

SOLO COSI’POTREMO DARE VITA AL NOSTRO FESTIVAL NEL
MIGLIORE DEI MODI POSSIBILI.

Grazie per il tuo contributo
Lo staff di BOLOGNA IN LETTERE 2016

 

 

info.bolognainlettere@gmail.com

bolognainlettere@gmail.com

https://www.facebook.com/BolognaInLettere/

https://www.facebook.com/groups/973708872640682/

https://www.youtube.com/channel/UCwbyJs4m8bYnn8OuqpX3riA

 

5426_680824992059545_1611212697515388197_n

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

logo epp (1)

Annunci

Paraboliche dell’ultimo giorno – Cantiere per un video in costruzione

Parabol(ich)e dell’ultimo giorno – Per Emilio Villa

Cantiere per un video in costruzione

 

ASequenza 01.Immagine024

 

ASequenza 01.Immagine025

 

ASequenza 01.Immagine026

 

ASequenza 01.Immagine027

 

ASequenza 01.Immagine028

 

ASequenza 01.Immagine029

 

ASequenza 01.Immagine030

 

ASequenza 01.Immagine031

Un anno per Villa – Eventi – Milano

ff v1

 

Letteratura Necessaria – Azione N° 54

“Un anno per Villa”

Sabato 20 Settembre 2014 ore 21.00

Galleria Ostrakon, via Pastrengo 15, Milano

Nell’ambito della rassegna Tu se sai dire dillo

dedicata alla memoria del poeta Giuliano Mesa (1957-2011)

ideata e curata da Biagio Cepollaro

 

villa

 

Questo evento viene contrassegnato come il primo dei “gesti finalizi” del progetto Parabol(ich)e dell’ultimo giorno – Per Emilio Villa, ideato e curato da Enzo Campi e inaugurato a Castelfranco Emilia (MO) il 22 Settembre del 2013. Il progetto comprende la realizzazione dell’omonimo volume collettaneo edito da Dot.Com Press – Le Voci della Luna, da una serie di eventi live che hanno attraversato l’Italia, da Torino a Napoli, passando attraverso Monza, Milano, Parma, Bologna, Verona, Padova, Venezia, Roma, e dalla creazione di un sito dedicato ad Emilio Villa.

 

cc 13 bis

 

Il programma della serata comprende

interventi e letture di Dome Bulfaro, Jacopo Ninni, Daniele Bellomi

la performance Vanità Verbali, con Gerardo De Stefano

un dialogo-bilancio tra Enzo Campi e Biagio Cepollaro

Risalire all’indietro, un video-intervento di Stelio Maria Martini

il recital le mûra di t;éb;è

con Martina Campi, Mario SboarinaFrancesca Del Moro, Enzo Campi

 

 

Emilio Villa

 

 

 

 Il programma completo della rassegna

 

La Galleria Ostrakon ospita, tra il 18 e il 20 settembre 2014, la terza edizione della rassegna Tu se sai dire dillo, dedicata alla memoria del poeta Giuliano Mesa (1957-2011) e ideata da Biagio Cepollaro. Anche quest’anno l’attenzione è rivolta a poeti importanti e radicali del ‘900 ancora poco conosciuti come Gianni Toti (1924-2007), tra l’altro pioniere della video poesia in Italia di cui viene presentata per la prima volta l’intera opera in versi curata da Daniele Poletti; Emilio Villa (1914-2003), precursore delle neoavanguardie,in nome del quale si sono svolte nel corso dell’anno molte iniziative promosse da Enzo Campi, e Paola Febbraro (1956-2008), poetessa prematuramente scomparsa intorno alla cui opera parleranno Anna Maria Farabbi ,Viola Amarelli e Giusi Drago. Ad arricchire il programma vi è la presentazione dell’ambizioso progetto Phonodia, curato da Alessandro Mistrorigo della Ca’ Foscari di Venezia, relativo ad un archivio di voci di poeti di tutto il mondo. Infine sulla questione della critica letteraria oggi verterà una conversazione tra Luigi Bosco e Lorenzo Mari, redattori del blog In realtà, la poesia, e Luciano Mazziotta.

 ff v2

la me ga scrito (III)

1470035_10201063665662732_391409468_n (1)

 

 

 

 

Estratti da
Dome Bulfaro
“Oratura di Emilio Villa – Ovvero La me ga scrito (III) come te va ga dito?
in AAVV, Parabol(ich)e dell’ultimo giorno – Per Emilio Villa
Dot.com Press, Le Voci della Luna, 2013

 

 

[…]

5- Mediazione archetipale ed etica del fallimento

 

L’opera di Emilio Villa ha il dono di riaprire il capitolo dei processi di mediazione simbolica e fa riesplodere il problema del ruolo del poeta rispetto alla propria comunità: «i filamenti intorbidavano l’agua, l’agua / svolazzanti, nuotanti, si battevano nel deserto erratico / dio, che lezione! / il bisbiglio innamorato, nel nascere idrogenico / ti telefonano dentro, ti telefonano anche gli attimi / materna Wies-vies-baden, ehm, insomma / oh, disgrazia, il ruolo, il ruolo! / capisci? []»

Il griot in Africa, ne ho avuto di recente conferma ascoltando dal vivo il senegalese Ablaye Cissoko, è un mediatore non solo tra cielo e terra, fra mondo degli spiriti e mondo degli uomini ma può esserlo anche fra un generale che ha appena perso la guerra e il suo re che vorrebbe condannarlo a morte o tra famiglie che vorrebbero appacificarsi dopo un litigio ma che necessitano di un mediatore per riavvicinarsi. La crisi del ruolo del poeta nella società contemporanea è figlia dell’incapacità da parte del poeta di non avere più la consapevolezza di incarnare questo Hyphen[1] (Tania van Schalkwyk) e del non sapere più definire il proprio ruolo di mediatore tra chi o cosa. Il poeta del Novecento, assoggettato alle logiche ristrette della carta stampata, ha obliato non solo il suo ruolo di mediatore, ma nel contempo ha perso la capacità di svolgerlo con un “fare” intermediale. Emilio Villa riscopre, in quanto mistagogo, l’archetipo del poeta mondato dalle sovrastrutture culturali, inspecie quelle di natura confessionale. Scrivono Luciano Caruso e Stelio Maria Martini: «Diremo allora che tutto il discorso linguistico villiano si può intendere come emanazione di un nucleo culturale archetipo, costituito dal sacro-corpo-sesso che, se non fosse sacro, appunto, potrebbe essere sostituito da qualunque altro fenomeno assunto come nucleo. Ora, questa stessa sacralità di cui appare circondato nell’opera villiana codesto nucleo, si riflette sull’officiante e sull’officio del culto e per questo il primo riceve veste di mistagogo, come abbiamo detto, e il secondo, cioè la materia del verbum e del signum, proprio per il suo magico-rituale, si offre intercambiabile ed equivalente in ogni suo frammento, interiezione o vocabolo di scarto, compresi quelli di derivazione anatomico-chirurgico-farmaceutica».[2]Ora il Villa, mediatore tra storia e mito, diversamente da molti suoi sodali pittori riconosciuti già in vita Maestri e in tempi relativamente brevi (si pensi a Fontana, Burri, Capogrossi, Manzoni, Matta, Newman, Twombly, De Kooning, Pollock…), risulta ancora oggi figura marginale, nonostante molti artisti avessero identificato in Emilio Villa un Maestro (non sempre, a dire il vero, palesandolo). Villa incarnava il proprio ruolo di mediatore culturale non certo da critico d’arte classico. Per dirla con Leonardo Sinisgalli «Villa [] faceva da allenatore, da provocatore, da apostolo dei compagni»[3] di arti visive.

Villa, quale sacerdote del Sapere, Maestro d’Arte e di vita, appare oggi particolarmente indigesto più che negli anni in cui ha operato, perché decenni di settorializzazione hanno prodotto generazioni incapaci di leggere anche in modo analogico e alogico il mondo e i linguaggi artistici che esteticamente lo interpretano e lo re-inventano. La materia informale, l’inafferrabilità del rito, l’intermedialità linguistica rendono oggi la scrittura di Villa, inaccessibile ai più. Nonostante siano trascorsi almeno quarant’anni dalla sua composizione, un’opera come La me ga scrito (III) risulterebbe alle scuole superiori piuttosto impraticabile. Colpisce che il Villa risultasse ostico anche allo stesso Sinisgalli, che pure lo praticava: «Ho sempre visto in lui una specie di rabdomante che sapeva trovare le vene d’acqua sepolte sotto i terreni più aridi. Come poeta mi riusciva indigesto, specie quando portò a maturazione il suo sistema compositivo, la sua lingua di Babele. Non ce la faccio a stargli dietro per più di una decina di lasse; quell’empito confuso, eruttivo, oracolare mi dà alla testa. Il suo liquore è troppo forte per il mio stomaco e le mie meningi.»[4]

Eppure, per quanto Emilio Villa possa risultare di primo acchito un “iperintellettuale” (Caruso) indigesto (mi si passi il termine), e a basso tasso emotivo (quindi poco empatico), per quanto la sua scrittura sia “iper-sperimentale” (Martini), per gli studenti e insegnanti di oggi ritornerebbe esemplare non solo in termini di libertà di sguardo e azione ma per quell’etica del fallimento, dico provocatoriamente, che lo ha caratterizzato. Emilio Villa è come se non avesse subito il fallimento, inseguendo vanamente il successo, ma l’avesse praticato e perseguito. Con lucida volontà, testimoniano in molti, si è tenuto a debita distanza da qualsiasi logica di mercato, logica editoriale, logica professionalizzante e classificante. La sua posizione volutamente defilata non fa che evidenziare l’atteggiamento non conformista rispetto alla cultura ufficiale.             Tra le composizioni di Villa e il suo modus vivendi c’è una corrispondenza inequivocabile che eleva questo autore a modello culturale che non dico debba essere emulato in concreto dagli studenti (di Emilio Villa ce n’è uno), ma sarebbe bene lo si interiorizzasse quale modello culturale capace di perseguire idee e progetti di enorme portata, nella totale consapevolezza che questo babelico impegno profuso non gli procurerà alcun riscontro immediato se non, vi pare poco, la totale libertà d’esistere. Villa accetta di camminare sull’orlo del fallimento per fecondare di nuovo significato, effettivamente e continuamente, se stesso e il mondo. Alla sua figura va riconosciuto un ruolo di nuovo mito nel nostro immaginario personale e, spero, anche collettivo.

L’immensa opera poetica di Emilio Villa è ancora in parte inedita e dispersa in edizioni private e riviste misconosciute, al pari del suo immane lavoro svolto intorno alle arti visive e come traduttore. E allora, nonostante l’affastellamento di piccoli e grandi ostacoli che si frappongono tra noi e l’opera villiana, come trasformare nella scuola di oggi Emilio Villa in un classico del Novecento? Forse la sua versatile commutazione dei codici, che vale anche tra dialetto e idioma nazionale, come tra differenti linguaggi artistici, se ben canalizzata potrebbe dimostrarsi l’interfaccia ideale con le giovani generazioni contemporanee, potrebbe costituire la botola che permetterebbe l’accesso e l’apprendimento della commutazione tra codici e sistemi linguistici prima, e tuffo à rebours nella sorgente della parola poi.

La sua poesia ha in sé una “tensione tautologica” (Spatola) che non è né nichilista né tanto meno autodistruttiva. Anzi è propositiva e partecipante. Come chiarisce lo stesso Spatola «La poesia di Emilio Villa dispiegandosi nell’arco di vari decenni, e sempre in modi stratificati e tecniche compresenti ha avuto ed ha di solito come caratteristica più evidente quella di non essere « autonoma » ma, almeno nella maggior parte dei casi, « partecipante » al lavoro di altri, abitualmente pittori e scultori: si badi, non come semplice esegesi di un’attività già chiusa e determinata ma, ripetiamo, come partecipazione, possibilità delle possibilità»[5]. La quasi certezza del fallimento, così come l’idea che l’opera di Villa prescriva una cooperazione, ci libera come interpreti dall’ansia da prestazione, ponendoci in una posizione di relativa serenità.

6- Prima applicazione dell’etica del fallimento

L’oratura in quanto Arte traduttoria del testo è sempre o conservativa, e cioè a servizio della poetica dell’autore del testo, o germinale, e cioè asservita alla poetica dell’interprete. Conoscere la datazione dell’opera, specie in caso di oratura conservativa, è rilevante. Sappiamo però che, vista la semiclandestinità di molte sue pubblicazioni e vista la galassia di contributi non solo artistici offerti da Villa, la reperibilità di dati esatti è problematica. L’oratura delle poesie di Emilio Villa è al contempo estremamente semplice quanto inafferrabile. È vero che ogni testo villiano fa storia a sé, d’altro canto è vero anche che se una certa “litania ostinata” (Spatola), una “dinamica accanita”, uno “humor impenitente”, sembrano elementi trasversali alla sua poesia.

Ad esempio, per quanto possa apparirvi scelta di dizione scontata, se volessimo provarci nell’oratura di Letania per Carmelo Bene basterebbe seguire le indicazioni racchiuse nel titolo: una litania che assecondi i dettami oratori del maestro Bene. Le poesie del primo periodo villiano offrono appigli piuttosto sicuri: con Di volt, una lüsnada (1937), nel rispetto prosodico del testo, ci si potrebbe tranquillamente appoggiare al parlato milanese; oppure Senza armonia (1950), invita ad una interpretazione oracolare.

Ma quando, in definitiva, il linguaggio di Emilio Villa è così stratificato e complesso, inafferrabile, com’è nel caso di La me ga scrito (III), il testo come “te va ga dito”? Fa molto piacere, dopo verbose pagine di riflessione, sapere che non si sia concluso assolutamente “Niente” e che qualunque oratura si riuscisse a proporre, sarebbe comunque e sempre un lieto fallimento.

[1] Tania Van Schalkwyk, Hyphen, Electric Book Works, 2009

[2] Luciano Caruso e Stelio Maria Martini, Emilio Villa. In “Uomini e idee”, 1975,  p. 7

[3] Leonardo Sinisgalli, Due parole di saluto. In “Uomini e idee”, cit. p. 54

[4] Ibid. p. 54

[5] Adriano Spatola, Cosmogonia «pubblica» e «privata» in Emilio Villa, in “Uomini e idee”, cit. p. 55

Per Emilio Villa – Eventi – Padova

pd loc 1 bis

 

 

Letteratura Necessaria

Azione 52

Parabol(ich)e dell’ultimo giorno – Per Emilio Villa

 

Domenica 11 Maggio ore 21.00

Grind House Club

Via Longhin 53

PADOVA

con

Laura Liberale

Gerardo De Stefano

Giovanna Frene

Chiara Baldini

Jacopo Ninni

Mario Sboarina

Martina Campi

Francesca Del Moro

Enzo Campi

e con (in video)

Dome Bulfaro

 

 

 

« La grande domanda è quella che vuole conoscere come avviene il trapasso, nel caos dei dati giunti fino a noi, come una risacca, in un amalgama fonetico baluginante ma senza luce ferma e fisso riverbero, il trapasso, in diagonale, da mito a concezione cosmologica, da mito a teologia, da mito a leggenda, e da storia a mito o da mito a storia; o non forse trapasso mai, ma come si determina il flusso degli incroci e degli attriti: una peripezia di cicli, di parabole, di invenzioni, di aperture, di inclinazioni» (Emilio Villa)

 

copertina.indd

 

AA.VV. PARABOL(ICH)E DELL’ULTIMO GIORNO PER EMILIO VILLA

 

Dot.Com Press – Le Voci della Luna edizioni, 2013

 

antologia di prosa, poesia e saggistica a cura di Enzo Campi

 

contributi critici, operazioni verbovisive e scritti dedicati di

Daniele Bellomi, Dome Bulfaro, Giovanni Campi, Biagio Cepollaro,

Tiziana Cera Rosco, Andrea Cortellessa, Enrico De Lea, 

 Gerardo De Stefano, Marco Ercolani, Flavio Ermini

 Ivan Fassio, Rita R. Florit, Giovanna Frene, Gian Paolo Guerini

Gian Ruggero Manzoni, Francesco Marotta, Giorgio Moio, 

Silvia Molesini, Renata Morresi, Giulia Niccolai, Jacopo Ninni,

Michele Ortore, Fabio Pedone, Daniele Poletti, Davide Racca,

Daniele Ventre, Lello Voce, Giuseppe Zuccarino, Enzo Campi

 

Il volume comprende un’antologia di testi di Emilio Villa

 

*

 

Questo volume rappresenta il plusvalore cartaceo di un progetto ad ampio raggio, curato dal Collettivo “Letteratura Necessaria”, che intende ricordare e veicolare le opere di Emilio Villa attraverso una serie di iniziative che prenderanno vita e forma negli eventi realizzati dal vivo e nella divulgazione, in rete, di scritti, contributi critici e storiografici. Il progetto si è già consolidato dal vivo, nel 2013, con una serie di passi di avvicinamento, attraverso letture, recital e riflessione critiche. Da settembre in poi è stata realizzata una serie di eventi che hanno toccato le principali città italiane. Tra reading, performance, conferenze, videoproiezioni, seminari, installazioni, mostre, il progetto si svilupperà lungo tutto l’arco del 2014 (anno del centenario della nascita di Villa) e prevede il coinvolgimento, a vario titolo, di circa un centinaio di autori e artisti.

 

Per Emilio Villa – Eventi – Venezia

ve loc def def 1

 

Letteratura Necessaria

 

Azione 51

Parabol(ich)e dell’ultimo giorno – Per Emilio Villa

 

Sabato 10 Maggio ore 19.00

Giudecca 795 Art Gallery

Fondamenta S. Biagio 795

VENEZIA

Organizzazione Julian Zhara, Gerardo De Stefano, Enzo Campi

con

Davide Racca

Gerardo De Stefano

Giovanna Frene

Jacopo Ninni

Mario Sboarina

Martina Campi

Francesca Del Moro

Gerardo De Stefano

Enzo Campi

e con (in video)

Dome Bulfaro

 

*

 

« La grande domanda è quella che vuole conoscere come avviene il trapasso, nel caos dei dati giunti fino a noi, come una risacca, in un amalgama fonetico baluginante ma senza luce ferma e fisso riverbero, il trapasso, in diagonale, da mito a concezione cosmologica, da mito a teologia, da mito a leggenda, e da storia a mito o da mito a storia; o non forse trapasso mai, ma come si determina il flusso degli incroci e degli attriti: una peripezia di cicli, di parabole, di invenzioni, di aperture, di inclinazioni» (Emilio Villa)

 

copertina.indd

 

AA.VV. PARABOL(ICH)E DELL’ULTIMO GIORNO PER EMILIO VILLA

 

Dot.Com Press – Le Voci della Luna edizioni, 2013

 

antologia di prosa, poesia e saggistica a cura di Enzo Campi

 

contributi critici, operazioni verbovisive e scritti dedicati di

Daniele Bellomi, Dome Bulfaro, Giovanni Campi, Biagio Cepollaro,

Tiziana Cera Rosco, Andrea Cortellessa, Enrico De Lea, 

 Gerardo De Stefano, Marco Ercolani, Flavio Ermini

 

Ivan Fassio, Rita R. Florit, Giovanna Frene, Gian Paolo Guerini

Gian Ruggero Manzoni, Francesco Marotta, Giorgio Moio, 

 Silvia Molesini, Renata Morresi, Giulia Niccolai, Jacopo Ninni,

Michele Ortore, Fabio Pedone, Daniele Poletti, Davide Racca,

Daniele Ventre, Lello Voce, Giuseppe Zuccarino, Enzo Campi

 

Il volume comprende un’antologia di testi di Emilio Villa

 

*

 

Questo volume rappresenta il plusvalore cartaceo di un progetto ad ampio raggio, curato dal Collettivo “Letteratura Necessaria”, che intende ricordare e veicolare le opere di Emilio Villa attraverso una serie di iniziative che prenderanno vita e forma negli eventi realizzati dal vivo e nella divulgazione, in rete, di scritti, contributi critici e storiografici. Il progetto si è già consolidato dal vivo, nel 2013, con una serie di passi di avvicinamento, attraverso letture, recital e riflessione critiche. Da settembre in poi è stata realizzata una serie di eventi che hanno toccato le principali città italiane. Tra reading, performance, conferenze, videoproiezioni, seminari, installazioni, mostre, il progetto si svilupperà lungo tutto l’arco del 2014 (anno del centenario della nascita di Villa) e prevede il coinvolgimento, a vario titolo, di circa un centinaio di autori e artisti.

 

Per Emilio Villa – Eventi – Monza

1462860_10201026207446300_1484689612_n

Giovedì 5 dicembre alle ore 21
GALLERIA VILLA CONTEMPORANEA
Via Bergamo 20, MONZA

Parabol(ich)e dell’ultimo giorno – Per Emilio Villa

con
Jacopo Ninni, Daniele Bellomi,
Dome Bulfaro, Paola Turroni, Enzo Campi

Evento realizzato da
Galleria Villa Contemporanea, PoesiaPresente,
Letteratura Necessaria

1012738_10201063680343099_340004650_n 996087_10201063704903713_1572919279_n

1471211_10201063676262997_76468267_n (1) 1472869_10201063674902963_1060690408_n

1470035_10201063665662732_391409468_n (1) 1470102_10201063675342974_2114970625_n

 

1479162_10201063702383650_665727590_n 1486631_10201063677663032_291941617_n 1480670_10201063679023066_422796255_n 1441380_10201063701703633_136008200_n

Per Emilio Villa – Eventi – Bologna (2)

1384354_10200685630052078_1031196122_n

Sabato 12 Ottobre ore 19
Spazio 100300 BOLOGNA
Parabol(ich)e dell’ultimo giorno-Per Emilio Villa 
con Giovanna Frene Gabriele Xella Martina Campi 
Gian Paolo Guerini Francesca Del Moro Mario Sboarina
e in video Dome Bulfaro 
a cura di Enzo Campi

*

Foto di Orlando Callegaro, Valentina Gaglione, Enzo Campi

bo 1 bo 9 bo 10

bo 15 bo 16 bo 22

bo 27 bo 17bo 8

dissipazione e dépen(sen)se

copertina.indd

Enzo Campi

m(el)acule «ab ovo» e altri pervertimenti

(estratti dall’introduzione a AAVV, Paraboliche dell’ultimo giorno-Per Emilo Villa)

Tutto potrebbe cominciare in una torre. Una torre con-fusa in sé, dove il problema è proprio quello di fondere il con (syn, cum, mit, avec). Per far sì che ciò accada, per creare una sorta di coappartenenza, bisognerebbe instaurare un regime di comprensione tra le varie lingue che «abitano» la torre. Ma la comprensione si può dare solo venendosi incontro, creando un flusso sonoro che possa mettere in comunicazione le mie labbra con le tue, con quelle dell’altro, e così via. Ma le nostre labbra non si sono mai incontrate prima. Come potrebbero comunicare tra loro? Ognuno di noi parla la propria lingua, il proprio idioma, usa leggi grammaticali diverse. Forse bisognerebbe essere pre-disposti a «girare», compiere l’intero giro di curva per confrontarsi con l’altro (non solo con la propria alterità, ma anche con il presunto straniero che con-divide il territorio dove è la con-fusione a certificare le distanze da colmare), per trovare un punto in comune tra un’emissione sonora e l’altra. Ecco: l’emissione sonora deve essere costretta a girare, ovvero e molto semplicemente: bisogna mettere la lingua in movimento. Villa parte (ma anche finisce, qualora si possa dare una fine) ab ovo, dalla con-fusione originaria, per mettere al lavoro e in transito la scrittura. Il suo flusso semantico e asemantico contiene e amplifica l’utopia di una lingua cosiddetta universale e si forgia sulla com-presenza di tutto ciò che, per così dire, può rendere circolante la circolarità. Siffatta operazione deve essere intesa come un «pervertimento».

1. dissipazione e dépen(sen)se

Quando Barthes, a proposito di Bataille, parlava di pervertimento, intendeva anche sovvertimento, ribaltamento, rovesciamento. Si veda in Villa (per citare una sola, inesaustiva occorrenza) la «messa in carta» di hisse toi re d’amour da mou rire dove molte parti di testo sono per l’appunto capovolte. In questo caso specifico si tratta di un pervertimento grafico, ma l’intera opera di Villa può (e deve) essere intesa come un progressivo, implacabile sovvertimento dei «luoghi» e dei canoni letterari. È opinione comune difatti che Villa – anche nutrendosi delle cosiddette avanguardie storiche (dadaismo, surrealismo, futurismo) – abbia letteralmente anticipato il profondo rinnovamento che ha investito la letteratura e l’arte dagli anni sessanta in poi.
Villa trascende la lingua cosiddetta natale (ma sarebbe più consono definirla univoca), sacrificandola e sacrificandosi. Si eleva al di sopra di regole e consuetudini per scandagliare il fondo o, se preferite, il senza-fondo della palus putredinis e della mythica res (origine) di cui nessuno serba il ricordo e che nessuno ha il coraggio di riportare alla luce.
In ogni apertura ristagna (beninteso: sempre fibrillando) una chiusura, in ogni chiusura è chiaramente visibile almeno un punto di fuga verso una nuova inevitabile, immancabile apertura.
Così come ci ricorda Tagliaferri nell’introduzione a Zodiaco, il senso è nel “«verbum» eternamente fratto e ricomposto”. Non credo di aver mai letto un autore che più di Villa possa avvicinarsi a quella fatidica riconciliazione dei contrari, che è e dovrebbe restare la massima aspirazione di tutti i praticanti della scrittura. E in Villa accade proprio questo, la riconciliazione si dà al suo massimo livello, nonostante la profusione di scarti, strappi, singulti, spasmi che costringono la scrittura a reinventarsi solo dopo una serie di salti mortali volti a minarne struttura ed integrità. E quella che lo stesso Tagliaferri, poco più avanti, definisce “indifferenza sacrale” “tra identici contrari” potrebbe essere letta anche in tal senso: rendendosi indifferenti gli uni agli altri, i contrari possono interagire e viaggiare all’unisono. Ed è anche da questi presupposti che la pittura può divenire materica (o rendersi concettualmente «informale») e la poesia può divenire visiva o «concreta», anche praticandosi al limite e frequentando i vari livelli dell’asemanticità. Villa non è stato il solo, ci furono altre figure [«se ne parla sempre per figure» (Derrida)] ad interrogarsi sull’origine e a praticarsi, fino allo stremo, nell’origine. Quegli altri (quelle figure), anche loro necessariamente alteri, erano, così come Villa, ben consci che l’origine non poteva che rappresentare la fine, o meglio: la prosecuzione (anche escatologica) della fine verso quel percorso a ritroso che porta ad una sorta di pre-natalità. Si potrebbe dire: “Non c’è origini”, o specificare che l’«illimite Niente» [“Poche le conseguenze del nostro patronato assoluto: rare le punte di quelle altre misure; peggio per gli altri; perché questo poco è solo e tutto quel che è accaduto, qui, di vita generosa, di spalancata Alleanza: dove filologia storia critica burocrazia quando vi metteranno le mani, paralitiche, troveranno soltanto il nostro provocatorio, illimite, Niente”. (Emilio Villa, cit. in Aldo Tagliaferri, Il clandestino. Vita e opere di Emilio Villa, DeriveApprodi, Roma, 2004, p. 173)] verso cui bisognerebbe condursi in realtà non è raggiungibile, nemmeno praticandosi sempre al limite.
Il «nulla» (o il «vuoto» del pre-natale e del pre-verbale) non è cosa quantificabile, né tanto meno verificabile,  nemmeno ricorrendo, per vie oblique (o come direbbe Villa: “ibi et ubique”) o psicoanalitiche a Freud o Lacan. Potrebbe rappresentare la cosa di una cosa più ampia, ovvero la parte vuota di un vuoto più ampio e articolato, quel vuoto infinito di cui noi rappresentiamo, solo ed unicamente, le parti infinitesime. Ma non ci può bastare una definizione aleatoria, bisogna sempre estendere – almeno in scrittura e/o in arte –  il proprio gesto verso cose inconoscibili o verso le infinite possibilità di un’accezione altra.
Se l’arte è “bordura del vuoto”, il suo segno (marca) è quello di un confine, non più idealizzato, che è già, in sé, rappresentazione. Non è una questione che si può limitare alle presunte differenze tra oggetto e soggetto, tra il «tramite» e l’«io» che usa il tramite per praticarsi in quella bordura-limite. In Villa si tratta di fare-spazio, di liberare il campo (anche semantico) per un evento-avvento, ovvero di innestare, nella presenza, un’assenza di fondo che si manifesta – anche in senso prettamente lacaniano – attraverso applicazioni e implicazioni di un recupero (necessariamente drammatizzato) mitico e sacrale fatto precipitare nella cosiddetta modernità. Si veda, a titolo d’occorrenza, uno dei Saltafossum (contenuti in Verboracula ) dove il fuoco centrale conclama la cosa (mythica, ma anche demistificata) come punto di partenza da cui si dipanano, per così dire, le scintille vettoriali ove mettere «al lavoro» i punti di fuga e in cui farsi-spazio, anche sulla scorta degli scarti pluri-direzionali che, beninteso, non fissano alcunché, ma solo indicano la serie inevasa delle «possibilità» evolutive/involutive. Sulla sentenza di Heidegger: “Nel fare-spazio parla e si cela al tempo stesso un accadere”, Villa «cade» (precipita) nel suo accadere, ma solo dopo essersi fatto largo a spintoni e gomitate, per fare-spazio-di-sé nella scrittura.
Perché, come già in Mallarmé, la cosa qui coincide con la scrittura.
E quindi, bisognerebbe tenere da conto anche le civiltà che ci hanno preceduto, le loro mitologie o, se preferite, le loro mitopatie e mitomachie. Ed è proprio questo quello che Villa ha fatto: studioso e traduttore di lingue morte (sumero, accadico), ma anche profondo conoscitore del greco e del latino, superbo «guastatore» della lingua francese, egli ha sovvertito tutti i canoni linguistici facendoli letteralmente esplodere su tutti i supporti che ha usato e di cui ha «abusato».

Beninteso, le schegge non vanno ad affiancarsi agli elementi circostanti, ma vi penetrano, vi intrudono fino a modificarne la struttura segnica e semantica, e quindi vanno a riplasmare e caratterizzare. Ma cosa e quali sono gli elementi che qui si vagheggiano? Molto semplicemente: le parole e i loro significati, le catene (anche patemiche, appercettive o solo allitterative) verbali e i loro significanti, i rinvii ad un altro già costituito o ancora da venire. Ma Villa lo sapeva, il di là da venire è già arrivato da sempre (si potrebbe aggiungere che il di là da venire si è già «dileguato» da sempre nelle pieghe, nei punti-piega di una curva temporale che non esita a raddoppiarsi e sovrapporsi per trasformarsi in ellisse e per smussare quella che per comodità chiamiamo circolarità). Si tratta di farlo rinvenire in presenza o, se preferite, in presenza/assenza, in un regime, come avrebbe diktato Giordano Bruno, simultaneo di “chiaro et obscuro”.

In 7 Magnetico ( 1969), Guido Ballo scriveva: “Se vuoi andare alle origini (delirio nero la / ragione bianca) devi proprio fermarti / contemplare è dei pigri sentire / lo scorrere del sangue vanità dei gesti / ma forse alla fine (non si sa mai) / puoi giungere a qualche verità / per esempio questa: se affondi / l’occhi della mente / tu vedi bianco il delirio la ragione / nera oppure questa: vuoi cogliere il / centro dell’esistere / ma quando sei al centro / vedi aprirsi una folla di altri centri / l’universo si moltiplica (lo spazio-tempo) e // la ragione è delirio lo scorrere caldo del sangue”. Ora  – al di là del fatto che Ballo possa essere, a più livelli stilistici e concettuali (sebbene con risoluzioni e punti di fuga diversi), affiancato a Villa nella sua ricerca etimologica e nell’uso ricorrente di una certa spazialità grafica della dislocazione del testo sulla pagina – in una sola, semplice (si fa per dire) poesia troviamo almeno cinque tematiche care a Villa: le origini, l’opposizione, reversibile e rovesciata, tra chiaro e oscuro (associati a ragione e delirio), l’occhio della mente (che declineremo più avanti), il centro da cui si aprono innumerevoli altri centri (che è una sorta di apologia del trou villiano), uno spazio-tempo manipolabile e moltiplicabile, e quindi soggetto a metamorfosi e ritorni.
Per poter approdare al  pre-verbale bisogna frequentare  la glossa, l’onomatopea, il suono gutturale, ovvero: non la parola formata linearmente (il ricorso alla cosiddetta poesia visiva scaturisce anche da questo), ma le parti scomposte che la compongono: le sillabe (quelle sillabe che in Villa divengono, a tutti gli effetti, le “syllabe incendiée”).
Da qui forse l’insistenza pluridecennale di Villa sulla sillaba come protagonista del supplizio a cui sottoponeva la scrittura, e su quella che si potrebbe definire (per inevitabile e necessario processo anagrammatico) la sua diretta antagonista: la sibilla, ovvero quella figura cui spettava il compito di tradurre, per così dire, le lingue oscure  in chiara luce. Ma, come lo stesso Villa ci ricorda in una delle sue prime poesie (“Smorza, è luce che si consuma”), la traduzione può equivalere al tradimento. Proponiamo, per amor di brevità, una sola occorrenza riportando, per intero, il corpus testuale di Pythica arbor (da Verboracula, in “Tauma”, 7, Maramotti editore, Reggio Emilia, 1981. Poi in id. Zodiaco, cura A. Tagliaferri, C. Bello, Empiria, Roma, 2000).

rubuit Arbor, corruptum quatit omnia omina nemus,
horror rubuit delphicus horror horruit horror:
liquor animae pendebat ab ore mixtaque luci
loquela, ab ore tuto:
or         bit        a
frun      di          um
rup       ta          p          ar         s
ru         pi          is
sal        sal        tus
sal
or         or     bit a
fecunda
sta                    tu
e          rec        to
res        rap
ta
di          ra          spe
ci          es!

L’oracolo si manca proprio venendo-in-presenza nell’immediato; ex-tende l’enigma ai comuni mortali, rivela (l’oscuro presagio del “legno marcio”, innaturalmente “rosso”, che fomenta il solve e coagula di quel “liquor animae” mescolato alla “luce” che, a sua volta, prefigura e produce la sentenza o, se preferite, una sorta di messa orale, l’officiazione del rito profetico che puntualmente arriva nella forma enigmatica dello spezzettamento verbale), e rivelandosi si sottopone al suo stesso «dire» [si può vedere l’«inquit» (forma arcaica che sta per dire, aggiungere, sentenziare) di uno dei tre Saltafossum, in Verboracula]. È come se passasse in secondo ordine rispetto alla forza primaria delle leggi che promulga, delle norme che impartisce. Questo perché le leggi e le norme non sono sue, ma appartengono alla volontà e ai capricci divini. L’oracolo è il tramite. La Sibilla-Villa è ben conscia di questo e la sua venuta in presenza – per ovvia e necessaria alterità – celebra l’assenza che è propria del manque, ovvero: della scrittura a cascata che precipita nei trous,

[…] et alors le soustrait,-at, bien, le sous-trou, le soustrué, le trou dans le miroir, le trou dans le paradigme hipergéomantisé, le trou au declans du trou, au trèfond, et c’est là tout, bien tout, bientôt très tout, tes trous (trou pourrait être: “tu es,” ou bien “tuer”) chez trou, des trous observes, des trous occultes, des trous pénétrants, des trous filtrés, des trous intercompénétrés pour des trous associés, en trou, le trouviol, le trouvol, le trouvaille, le trouve est, le trouver, letr où, ou bien, oùniversel, où ni vers sel, trous aillent, des trous dormis des trous prétermis, ou mis dans le trop dan le, l’oeil, troeil, où trou aussitôt rentré, vaincul, également trou écrasé, massacre, tout, trou-krasis, trou crêtes […] (1)

delle esondazioni dei flussi sotterranei che fanno affiorare, per così dire, l’humus rizomatico-sacrale o i segreti dell’abisso, delle schegge semantiche di una voce vaticinante, enigmatica, a tratti selvaggia, irriverente ma, al bisogno, anche ludica e ironica, in poche parole: decisamente e necessariamente «impossibile», sia in regime di chiarità che di ob-scurità.

Così il tono profetico e oracolare può anche amplificare l’Oscuro Originario glissando la luce. Da qui, forse, la serie di strutture umbratili che decostruiscono la scrittura proprio nelle parti che la compongono. Così dalle parole-baule, dalle parole com-poste (co-ex-tese) per giustapposizioni e innesti (spesso traumatici) di fonemi, lemmi, gruppi timbrici provenienti da più lingue si può passare, con inusitate soluzioni di continuità e discontinuità, al pervertimento, al rovesciamento verso la rarefazione e la spazializzazione delle singole unità linguistiche, fino allo spezzettamento sillabico e asillabico che ha come risultato la gettata di tronconi (2) di parole. È forse questo il rinvio all’ordine/disordine del chaos? Il ritorno verso l’inarticolato e l’indistinto?

sta      men                             stlo   cus   is
sis                                        te
ne       sit        stat      in                           si  q[uae]
ul        us                                        sti[r]ps
ne        vi                     sen             tlo      ci
sus       ni      lo       cis
mis                    oc      ul    i
nec      sit        nex      it                                              is
ac       sat                                            ti
sti        mu      lus                             us  (3)

Certo, per far sì che ciò accada, si pretende la messa in scena (mise en jeu e mise en abyme) di tutta una serie di figure da innestare, con profonda e radicata libertà, sui vari livelli di quell’anfiteatro ideale ove si  celebra e si consuma l’esistenza. Ecco il Theatrulum dell’«intuta progenies», delle Pythiae «al lavoro» per una nuova e rinnovata drammaturgia (drama-ergon, opera delle azioni, azioni al lavoro), astorica e necessariamente demitizzata, nonché demistificata, il Theatrulum dei doppi di Orfeo, delle sibille perfide e sibilline, ma anche il Theatrulum delle vulve, degli occhi, degli speculi, di tutti i nomi, le nominazioni e gli elementi che ricorrono pedissequamente nella letteratura villiana.

Quando Nancy dichiarava: “È un teatro di memoria quello che Claudio Parmiggiani (già amico e collaboratore di Villa, nonché primo e diretto destinatario della Geometria reformata  e curatore della mostra di Reggio Emilia del 2008 e del libro-catalogo Emilio Villa – Poeta e scrittore) ci apre” (4) sembra quasi «rinviare» all’intera opera villiana. Un teatro di memoria, oserei dire totalizzante, che tutto incamera e ri-plasma. E in questo teatro totale, in questa solenne ed insieme ludica parata sfilano, incessantemente e circolarmente [come in una tipicizzante sequenza kantoriana (5)], una miriade di personaggi propriamente detti e di cose (sarà bene ribadirlo una volta per tutte: la cosa in Villa coincide con la «parola», è il limite ultimo sul quale la parola si pratica, restituendosi a sé e dissolvendosi in sé) assunte al ruolo di dramatis-personae volte a perpetuare il supplizio della loro disseminazione e di quel processo definito «rinvio». Altro aspetto determinante, il «rinvio» ad altro detta le leggi della con-fusa scansione letteraria villiana. Cosa questa che accomuna ulteriormente Villa con Ballo. Stefano Agosti, in poche righe, riassume l’aspetto portante della poetica di Ballo:

«Il “rinvio”, in quanto passaggio, traslazione del senso (del significato, del vocabolo) da una catena di ètimi ad un’altra, e da questa ad un’altra ancora e così via, sottende non tanto un processo di avvicinamento all’origine, quanto l’esperienza in re del suo allontanamento, la verifica della sua cesura: diciamo, con vocabolo modernissimo (derridiano), la verifica del suo continuo “differimento” (différance). Il che dà luogo a un testo non più accumulativo o predicativo (analogico), bensì metonimico; e cioè a un testo perennemente spostato (sfasato) rispetto al proprio farsi, se la metonimia – come ha precisato Lacan – è il movimento stesso (interminabile) di copertura di un vuoto, manque béance aperti nella rappresentazione del mondo […]»(6)

Questo vale per Ballo ma, forse, in Villa il discorso va esteso anche in altri termini. Il processo avvicinamento/allontanamento si inscrive (sempre en abyme) nel discorso già accennato dei «contrari». La presenza/assenza è qui determinante per la comprensione (o, se preferite, per il fraintendimento) delle estroiezioni che Villa «getta» (7) sulla pagina o sui vari e svariati supporti che, per così dire, assecondano il “Grand Jeu” della dissipazione. Ecco il segreto villiano: egli è allo stesso tempo soggetto e soggettile, iaceo e iacio, egli getta ma allo stesso tempo viene gettato. Si pensi all’action-poetry del 1949, quando Villa dopo aver scritto dei brevi testi su dei sassi li getta nel Tevere. Egli, da soggetto, getta il soggetto-testo e il soggettile-sasso (inerte) nel soggettile-fiume (grave perché fluente). Ma quel primo soggetto, l’Io-Villa, è anche oggetto, perché funge da tramite per un disegno più alto (un alto che precipita nel fiume, che è qui l’ennesima con-figurazione o de-figurazione di un trou o, se volete, di un apsu (abisso), per mettere «al lavoro» la dépense che qui bisogna estendere almeno in dépen(sen)se, ovvero con la dispersione e la dissipazione del senso, con la dispersione dell’Io che si cancella  nel compimento, e quindi nella sparizione, del suo stesso gesto artistico. Dépense come «pervertimento», ma anche come «condanna» alla ri-proposizione. C’è, in Villa, un pervertimento, oserei dire labirintico, dell’idea del transito. La risoluzione non è l’uscita, ma la ri-proposizione del transito ad aeternum. Continuare a girare, farsi curva-di-sé, ritrovare, strada facendo, i segni, le tracce, industriarsi nella loro cancellazione che può avvenire, beninteso, anche attraverso la loro ri-divulgazione differenziata. E si può procedere anche per piccoli passi, per minime variazioni. Perché la differenza non è l’abnorme, ma anche il semplice sincategorema che apre il «rinvio» e perpetua il supplizio diacronico dia(i)conico a cui Villa si sottopone usando la scrittura come tramite allo scopo primultimo di ri-spazializzare lo spazio e di ri-temporalizzare il tempo.

La scrittura è, in sé, spazializzata. Gli spaziamenti e le spaziature a cui Villa la sottopone ulteriormente innestano la presenza di diverse allocazioni e delocazioni temporali. Non bastano il chronos e l’aiòn, tanto teorizzato da Carmelo Bene e, in un certo senso, ri-preso e ri-plasmato da Villa proprio nella Letania per Carmelo Bene dove possiamo leggere: “[…] sembra tutto così, ma succede per sottile / indulgenza, e insieme non succede, ma si spalanca […]”.

Tutto il gioco (o, se preferite, tutta l’ascesi stoico-deleuzeana), le “Grand Jeu” (in cui ci si “sbriciola” ovvero il gioco in cui ci si annulla per superarsi), verte sull’accadimento/non-accadimento, sulla presenza/assenza. Ciò che accade nell’immediato non accade ma si spalanca, cioè si apre, si rende aperto e sembra predisporsi ad un attraversamento. Ritorna qui il double-bind dell’estroiezione/introiezione. Ciò che si estroietta è, per iperbole, l’estromissione dall’atto nel momento del suo compimento. Ciò che si introietta è, anche, quel Tempo-Dio (8), cui fa riferimento Tagliaferri nell’introduzione alla Letania, quel tempo che non esiterei a definire autolesionistico,  quel tempo da attraversare per giungere al «nulla» egotico, narcisista e mancante, sia d’onnipotenza che d’eternità. E lo dico nell’accezione positiva del termine, del resto la «volontà di (onni)potenza» di questa inaudita coppia di huomini desideranti si dà solo e unicamente nel loro stesso annullamento. A titolo d’occorrenza: “[…] qui fasait disparaître le Lieu à descendre […]”. E ancora: “[…]in una / parola sola solitaria unica / non conoscibile, suffragata a tutela / di non conoscere, di non abitare, di disapparire” (9).

Il tempo villiano perverte l’immediato dissipandolo nella moltiplicazione, nell’inverosimile palinsesto delle sue possibilità evolutive (riuscite a pensare qualcosa di più impossibile della moltiplicazione del «nulla»?); in Bene, e con modalità diverse, ciò che conta è una sorta di estasi mistica che consente la totale estromissione dall’atto fisico-linguistico-verbale per approdare all’oblio. Ma le intenzioni di entrambi sono le stesse, quelle di conferire alla parola il ruolo ultimo definitivo di essere se stessa e nient’altro, di comunicare l’incomunicabilità della sua funzione, la libertà alogica, astorica, asignificante e/o plurisignifante della sua essenza primaria, l’inedificabilità della sua struttura, l’intestimoniabilità della sua innocenza. Quattro anni dopo l’omaggio che Villa fece a Bene con la pubblicazione dell’impossibile letania a lui dedicata, Carmelo Bene diede alle stampe la sua unica, vera opera in versi, quel monumentale, eccedente, babelico ‘l mal de’ fiori che tanti punti in comune ha con l’éclat plurilinguistico villiano. Per amor di brevità, due sole occorrenze [una sullo spezzettamento (smembramento) e una sul plurilinguismo manipolato (ricongiuzione)]:

‘N  st’  che  v  ou  s  le  g  get  e  st’  sc  r  i  ’t  ’n  ni  ent
a  b  ia  n  ca  car  ta  st  ar  l’  pù  ch’  po  s  s
etc  ì!  Stra  n  ut  no  us  som  mes  ‘n  te  si
stu  do  pi  do  stu  pi  d  m’  so […]

Basta l’arte! Tumultua ‘l ch’è desert
L’arte bast! Tritricanante Ferme! ‘mne ouverte
porte d’aubscoult e vist hai vist hai son
kakòn l’romomor no more no
in degrade de’ mercat marché Pour-rire
Marchéz vousaultres contre ‘mne chamce cochons
humainethumaniste laculture
cadastre l’esthesocialcommunsort voyerist
vilaineartiste ‘n forme çedezastre […] (10)

Il tempo in Villa è astorico. Non può limitarsi all’encomio del singolo avvenimento proprio perché contiene, amplifica e rimodella «tutte» le storie. Il tempo villiano è alogico, proprio perché contiene tutte le logiche, e non solo: le mette anche in discussione o le esaspera a tal punto da renderle illogiche, ma proprio per questo fascinose (si potrebbe dire arabescate) e terribili (perché comunque votate ad una sorta di necessario ed inevitabile sacrificio), ludiche e insieme seriose. Il tempo villiano è quello del fissaggio che si dissolve: tempo della dissipazione, dépense batailleana ma anche chance mallarmeana, il tempo della sfida eterna a superarsi, a spingersi così al largo da rendersi  concettualmente inverificabile e fisicamente intoccabile. Si può (si deve) gettare il dado ma non c’è bisogno di aspettare che si fermi sul numero vincente. Non c’è bisogno di vincitori. Qui (e altrove) chi vince è solo la scrittura che comunque «gira», si rende circolare e circolante,  sopravvive all’avvicendarsi di qualsiasi chronos e aiòn attraverso la disseminazione delle sue tracce. Tracce destinate a dissolversi certo. È proprio questo il segreto a tutti noto e sempre taciuto: ogni foro conduce a un altro foro; in ogni foro si può intravedere, attraverso un inusitato processo di trasparenza, un altro foro (ricordate Ballo: il centro da cui si aprono altri centri). È un po’ quello che accade in Parmiggiani, in quei labirinti di vetri che permettono il transito nella ri-proposizione differenziata dell’identico. Ma attenzione l’operazione (o opera-azione, perché è di azione che si tratta) non si esaurisce nella trasparenza della moltiplicazione. L’azione culmina nella distruzione dei pannelli di vetro compiuta dallo stesso artista.

Villa, quando nel 1981 espone alla Galleria Multimedia di Brescia i testi de le mûra di t;éb;é, usa dei pannelli di plexiglas per imprimere il testo in greco e delle buste di plastica ove raccogliere le corrispettive traduzioni in italiano fatte a pezzi e quindi rese inintelligibili. Così come avviene in Parmiggiani: da un lato l’attraversamento e dall’altro la distruzione o annullamento, ovvero: da un lato  l’eternizzazione della lingua morta, e dall’altro lato la “distruzione” della cosiddetta lingua viva.

(Im)pura improduttività batailleana.
Sintomatico processo di annullamento.

«Guarda che siamo di Eleusi. Torniamo a Eleusi; sotto, sotto, sotto. Qui il più severo e il più vero inventore sono io, che ho inventato la poesia distrutta, data in pasto sacrificale alla Dispersione, all’Annichilimento: sono il solo che ha buttato via il meglio che ha fatto: quello che s’è consumato nella tasca di dietro dei calzoni scappando di qua e di là, quello scritto sui sassi buttati nel Tevere, quello stampato da un tipografo che non c’è più, quello lasciato in una camera di via della croce. Solo così si poteva andare oltre la pagina bianca: con la pagina annientata»

 

Note

(1) Emilio Villa, Lucio Fontana, in id. Attributi dell’arte odierna 1947/1967, nuova edizione ampliata a cura di A. Tagliaferri, Firenze, Le Lettere, 2008, pp. 102, 103

(2) “Vi crepita però l’invasione d’un antico soffio d’esseri smembrati in tutti gli organi, e dove, il signor decapitato, il signore in tronconi, il signor squartato, nei fili spinati, cercano con smarrimento la loro roccia o il loro albero, nell’incendio della foresta” (Antonin Artaud, Centro-Nodi, in id. Al paese dei Tarahumara e altre storie, trad. H.J. Maxwell, C. Rugafiori, Adelphi, Milano, 1966, p.215).
Al di là della risoluzione «ultima e definitiva» del ricorso alle glossolalie, e tenendo conto dell’amore viscerale di Villa per Artaud, per libera associazione, non posso non rinviare a quell’uomo “in tronconi” che parte sì da Artaud ma che si rivela come una puntuale apologia  – metaforica  – dell’intera opera villiana: il crepitio, ovvero: le braci inestinte della scrittura che, per quanto già incendiata, si ostina a riproporre lemmi e glosse; l’invasione d’un antico soffio, ovvero: il rumore, per così dire, “senza fondo” [il rinvio al Bigongiari de L’evento immobile (Jaca Book, 1987) è d’obbligo vuoi solo per la dimensione “aurorale” che in Villa si respira a pieni polmoni], della cosa mitica; esseri smembrati in tutti gli organi, ovvero, e per ulteriore metafora: gli dèi che, in quanto tali, sono privi di anatomia;  i tre appellativi del Signor-Villa-Artaud: decapitato / in tronconi / squartato, in preda allo smarrimento (qui diremo anche spaesamento, per via della moltiplicazione  e della continua deterritorializzazione dei luoghi semantici), alla ricerca di una ideale roccaforte (che è allo stesso tempo casa in cui rifugiarsi e prigione in cui scontare la pena); i fili spinati, ovvero: limite e bordura, scatola e cornice, tela e foglio; l’incendio della foresta, ovvero, e molto semplicemente: l’intero corpus artistico villiano.

(3) Emilio Villa, Pythica vana, da Verboracula, in id. Zodiaco, op. cit.  p.176

(4) Emilo Villa scrisse il testo a mano su un catalogo di una mostra di Claudio Parmiggiani. Poi pubblicato in “Baldus” nel 1990 con una nota di A. Tagliaferri. Esiste una pubblicazione (tiratuta 70 copie)  anastatica del catalogo con testo autografo edita ad Albinea, Collezione Tauma, 1990. Il testo è compreso anche in Zodiaco, cit. pp. 191-204.

(5) Jean-Luc Nancy, George Didi Hubermann, In silenzio a voce altaPer Claudio Parmiggiani, Paginette festival filosofia, Modena, 2005, p.7

(6) La cosiddetta “stanza della memoria” kantoriana è quel luogo/non-luogo dove ci si scontra con i “per” e i “perché”, con i “padri” putativi e i padri-dèi o comunque mitizzati, con tutto ciò da cui proveniamo, involontariamente o per filiazione diretta, in un gioco di “occhi” e di “specchi”. La stanza della memoria è il vaso filosofale, il vaso ovalico di Ermete in cui si parte dalla certezza del nero per arrivare all’utopia del bianco. E tutto quello che ac-cade usando e ab-usando materiali deteriorati dal tempo, macchine e macchinazioni, mettendo en jeu situazioni circensi in cui l’uomo tipicizzato in un altro mima l’animale minando l’animale che è in sé, tutto questo trova un immediato correlativo con le pratiche villiane, vuoi solo perché egli estirpa dal tempo-che-fu le unità costitutive (anche non letterariamente articolate, come i segni cuneiformi e i geroglifici) delle lingue morte facendole divenire materiale per l’a venire. Questo materiale è deteriorato. Villa lo sapeva, e non poteva riproporlo nella sua struttura originaria: bisognava deteriorarlo ulteriormente. Da qui, forse, la tipicizzazione del linguaggio, di volta in volta riferito a un altro o, se preferite, differito da un uno a un altro. Conferire una tipicizzazione all’altro significa renderlo riconoscibile, ma il fine ultimo – sia per Kantor che presenziava la scena da demiurgo, e si concedeva il lusso di correggere, col senno di poi, le azioni dei suoi “familiari mnemonici” per renderli ancor più somiglianti a se stesso, sia per Villa che «pervertiva» le opere altrui per meglio definire la parata, circolare e circolante, del suo personalissimo circo linguistico – è sempre quello, come già accennato, di «usare» l’altro per arrivare-a-sé.

(7) “[…] la drammaturgia del suo divenire oscilla sempre tra l’intransitività di iacēre e la transitività di iacĕre, in quella che chiamerei la congettura (conjecture) dei due. Nel primo caso, iaceo, sono disteso, sdraiato, giacente, allettato, abbattuto, a terra, senza vita, sono o sono stato gettato (jeté). È la situazione del soggetto o del soggettile: essi vengono gettati sotto. Nel secondo caso, iacio, io getto qualcosa, un proiettile dunque, delle pietre, del fuoco, una freccia, il seme (eiaculato) o i dadi. Allo stesso tempo, e per aver così lanciato qualcosa, posso averlo innalzato o fondato. Iacio può avere anche questo senso: getto delle fondamenta, istituisco lanciando” (Jacques  Derrida, Forsennare il soggetile, Cura A. Cariolato, Abscondita, Milano, 2005, p.29).

(8) “[…] tu aura bien pu saisir entre tes crocs / la grêle du Temps Dur, exilé mûr, / du Temps-Dieu de Blessure, Tant d’Yeux / en trace des Golfes d’Ombre, et l’Ombre / qui beugle, du Tout d’Yeux, / le long les Feuillages sans racines / liées aux rêves des vivants […]” (Emilio Villa, Letania per Carmelo Bene, cura A. Tagliaferri, Scheiwiller, Milano, 1996,  p. 21)

(9) Ibid. pp. 25 e 53

(10) Carmelo Bene, ‘l mal de’ fiori, Bompiani, Milano, 2000, rispettivamente p. 123 e 130

*

 

AA.VV.
 

Parabol(ich)e dell’ultimo giorno

per Emilio Villa

antologia di prosa, poesia e saggistica a cura di Enzo Campi

 
Dot.com Press – Le Voci della Luna edizioni
Milano – Sasso Marconi, 2013
 
 
contributi critici, operazioni verbovisive e scritti dedicati di

 
Daniele Bellomi,  Dome Bulfaro,
Giovanni Campi, Biagio Cepollaro, Tiziana Cera Rosco,
Andrea Cortellessa, Enrico De Lea,
Gerardo de Stefano,  Marco Ercolani, Flavio Ermini,
Ivan Fassio, Rita R. Florit, Giovanna Frene,
Gian Paolo Guerini, Gian Ruggero Manzoni,
Francesco Marotta, Giorgio Moio,
Silvia Molesini, Renata Morresi, Giulia Niccolai,
Jacopo Ninni, Michele Ortore, Fabio Pedone,
Daniele Poletti, Davide Racca, Daniele Ventre,
Lello Voce, Giuseppe Zuccarino, Enzo Campi

Il Volume comprende una selezione di testi di Emilio Villa
e può essere acquistato scrivendo a
info@dotcompress.it

Per Emilio Villa – Eventi – Castelfranco Emilia

loc castelfranco

Domenica 22 Settembre ore 11

Biblioteca Comunale di Castelfranco Emilia (MO)

nell’ambito delle iniziative di “poesiafestival13”
sezione “assonanze”

LETTERATURA NECESSARIA – AZIONE 36

PARABOL(ICH)E DELL’ULTIMO GIORNO.
PER EMILIO VILLA

ANTEPRIMA NAZIONALE
con

Dome Bulfaro, Tiziana Cera Rosco 
Martina Campi, Gian Paolo Guerini
Jacopo Ninni, Mario Sboarina, Enzo Campi 

copertina.indd

AA.VV.

PARABOL(ICH)E DELL’ULTIMO GIORNO.
PER EMILIO VILLA

Dot.Com Press – Le Voci della Luna edizioni, 2013

antologia di prosa, poesia e saggistica a cura di Enzo Campi 

contributi critici, operazioni verbovisive e scritti dedicati di

Daniele Bellomi, Dome Bulfaro, 
Giovanni Campi, Biagio Cepollaro, Tiziana Cera Rosco, 
Andrea Cortellessa, Enrico De Lea, 
Gerardo de Stefano, Marco Ercolani, Flavio Ermini, 
Ivan Fassio, Rita R. Florit, Giovanna Frene, 
Gian Paolo Guerini, Gian Ruggero Manzoni, 
Francesco Marotta, Giorgio Moio, 
Silvia Molesini, Renata Morresi, Giulia Niccolai, 
Jacopo Ninni, Michele Ortore, Fabio Pedone, 
Daniele Poletti, Davide Racca, Daniele Ventre, 
Lello Voce, Giuseppe Zuccarino, Enzo Campi 

Il volume comprende un’antologia di testi di Emilio Villa.

***

Il volume può essere acquistato scrivendo a
info@dotcompress.it

1236287_562144397156752_1672969525_n 1234090_562144850490040_1855425798_n

11223_562145097156682_2035378684_n 1231619_562145663823292_1325476060_n

Nelle foto: Jacopo Ninni, Dome Bulfaro, Gian Paolo Guerini, Martina Campi